Lello Arena, Amanda Sandrelli, Dario Ballantini, Serra Yilmaz, Vanessa Gravina sono solo alcuni dei protagonisti del cartellone che nasce dalla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e la Fondazione Toscana Spettacolo onlus.

Nove spettacoli per un programma che si sviluppa da gennaio ad aprile con prosa e danza: grandi autori e interpreti di primo piano per un viaggio tra narrazione, memoria civile, emozioni e scoperta.

Programma:

🔹Sabato14 gennaio (ore 21:00) con Serra Yilmaz, protagonista in NOVELLE ORIENTALI di Marguerite Yourcenar. La scrittura della Yourcenar, ricchissima ed elegante, regala un’aura da favola alle narrazioni proposte che brillano in una luce senza tempo e che ben si addicono ad una lettrice di eccezione, cosmopolita e appassionata come Serra Yilmaz. Percorreremo attraverso la sua interpretazione un viaggio affascinante ed esotico in cui è il destino a prendersi gioco degli uomini e a guidare i loro passi.

🔸Martedì 31 gennaio (ore 21:00) Lello Arena e Massimo Andrei portano in scena ASPETTANDO GODOT di Samuel Beckett. Aspettando Godot è considerato il capolavoro di Beckett e del teatro dell’assurdo. Vladimiro e Estragone aspettano l’arrivo di Godot, che però non arriverà mai. Non sappiamo chi siano questi due uomini, dove si trovino, chi sia questo Godot e perché lo stiano aspettando.

🔹Sabato 11 febbraio (ore 21:00) TESTIMONE D’ACCUSA di Agatha Christie, con Vanessa Gravina e Giulio Corso, per la regia di Geppy Gleijeses. Suspense, intrighi, misteri tratteggiati con l’inarrivabile capacità di sparigliare le carte di cui l’autrice inglese fu assoluta maestra, sono il sale di questo splendida partitura dell’inganno che si conclude con un doppio colpo di scena imitato più volte e rimasto insuperato.

🔸Martedì 28 febbraio (ore 21:00) Amanda Sandrelli porta in scena LISISTRATA di Aristofane, per la regia di Ugo Chiti. Arca Azzurra e Ugo Chiti si cimentano con il testo classico Lisistrata in chiave contemporanea, ma rispettosa dell’originale. Amanda Sandrelli è la protagonista perfetta per questa commedia di Aristofane, che – attraverso un meccanismo teatrale modernissimo, una specie di farsa dove si ride molto – ci fa scoprire, in maniera paradossale e insieme umanissima, senza falso pudore e con continui doppi sensi, i meccanismi perversi dell’irragionevolezza umana.

🔹Lunedì 6 marzo (ore 21:00), da un’idea di Elena Bucci, al De Filippo arriva RISATE DI GIOIA. Storie di gente di teatro. Un nuovo progetto che si allaccia ad altri spettacoli in cui i due artisti hanno indagato l’arte del teatro, raccontandola attraverso le parole e le storie di chi quell’arte l’ha vissuta in prima persona. Un viaggio alla scoperta di una moltitudine poetica e operosa che, dietro le quinte e sul palcoscenico, ha trascorso la sua vita.

🔸Lunedì 20 marzo (ore 21:00) è il momento de L’ORESTE. Quando i morti uccidono i vivi di Francesco Niccolini, con Claudio Casadio. Uno spettacolo che riflette sull’abbandono e sull’amore negato, su come la vita spesso non faccia sconti e sia impietosa. Una messa in scena originale in cui fluiscono momenti drammatici e altri teneramente comici, con un’animazione grafica di straordinaria potenza, visiva e drammaturgica.

🔹Giovedì 30 marzo (ore 21:00) Dario Ballantini è il protagonista di BALLANTINI E PETROLINI. Dario Ballantini porta a teatro un cavallo di battaglia del suo repertorio giovanile: il grande Ettore Petrolini. Con la consueta maniacale ostinazione per il totale camuffamento, l’artista livornese riesce a far rivivere sette personaggi creati dal grande comico romano nato a fine dell’800: Gigi II Bullo, Salamini, la Sonnambula, Amleto, Nerone, Fortunello e Gastone si ripresentano in scena nel nuovo millennio.

🔸Sabato 15 aprile (ore 10:00 in matinée per le scuole e ore 21:00), MOBY PRINCE 3.0 di Francesco Gerardi e Marta Pettinari, con Lorenzo Satta e Alessio Zirulia. A trent’anni di distanza dalla più grande sciagura della Marina Civile Italiana le cause dell’incidente, in cui 140 persone persero la vita, non sono ancora chiare. M/T Moby Prince 3.0 porta sul palco due giovani attori che raccontano l’incidente dal punto di vista di chi era a bordo del traghetto e per farlo utilizzano l’interazione visiva e narrativa attraverso la quale immagini e parole conducono lo spettatore nell’enorme buco nero di questa vicenda, disorientandolo fino al punto da chiedersi come tutto questo sia stato possibile.

🔹Sabato 22 aprile (ore 21:00), nel segno della danza con SATIRI: coreografie e spazio di Virgilio Sieni, interpretazione di Maurizio Giunti e Jari Boldrini. I due danzatori dello spettacolo sono contagiati dall’interno, investiti dalla contemplazione rivolta al gesto simile, adiacente, simmetrico. Pescano dal fondo del gesto per inscrivere forme d’intesa e di empatia che si aprono a una disposizione musicale; le danze segnano lo spazio della materia inebriante che parla con il corpo. Ancora una volta la danza si presta a laboratorio della vita, affronta azioni disperate, titaniche, si pone sulla soglia con atteggiamento vigile e divinatorio.

Campagna abbonamenti:

📍presso la biglietteria del Teatro De Filippo (via G. B. Vico 1, Cecina)
per info: 3471303148 – 3534437193 / segreteria@teatrodefilippo.it
abbonamenti a 9 spettacoli: intero € 90 / ridotto € 75

Info biglietteria:
Apertura martedì 20 dicembre.
Fino a sabato 14 gennaio è possibile rinnovare o sottoscrivere gli abbonamenti alla Stagione Teatrale

cell. 3471303148
mail: segreteria@teatrodefilippo.it

orario mattina: dal Lun/Dom dalle ore 09:00 alle ore 12:30
orario pomeriggio: Lun/Dom dalle ore 16:30 alle ore 19:30

▪️biglietto intero € 12, ridotto € 10

▪️ridotto €8 (riservato agli studenti dell’Università in possesso della carta “Studente della Toscana” e Biglietto Futuro Under 35 in collaborazione con Unicoop Firenze)
riduzioni – over 65, carta dello spettatore FTS (solo biglietti), Scuola di Musica Comunale Sarabanda, iscritti ai Cantieri teatrali, educatori della prima infanzia (0 – 6 anni) e possessori della Carta della Biblioteca Comunale di Cecina